SINDROME DI STENDHAL

Sindrome di Stendhal Testo e Video di Emanuele Aloia.

SINDROME DI STENDHAL Testo

Locali pieni di gente più sola
Una sinfonia sembro un po’ Mozart
Sempre più vuoti i musei
Sempre più pieni sti social
Il mondo che cade, tutto allo sfascio
Cito Bernini mi chiedono liscio o con ghiaccio
Dammene un altro

Il virus più grande del nuovo millennio
Non si diffonde con strette di mano

Si è già diffuso nel mondo da un pezzo
E porta il nome di essere umano
Scusaci Gaia, scusaci terra
Sono anni che ti vedo a terra
Sono anni che bruci non sembri un pianeta
Sembri una stella
Cosa accadrà, piaghe sul mondo
Come Mara, celebrità, idolatrare le amebe delle nullità
Gioco di carte Cezanne
Questa è l’ultima cena Giuda
Questa è l’ultima cena Giuda
La gente ha lo sguardo di pietra e la testa di Medusa

Si come Stendhal mentre guardo fisso un’opera
Ed è come far l’amore per la prima volta
Un mistero eterno come la Gioconda
Tremo dentro

Si come Stendhal

Mentre guardo fisso un’opera
Ed è come far l’amore per la prima volta
Un mistero eterno come la Gioconda

Si come Stendhal
Mentre guardo fisso un’opera
Ed è come far l’amore per la prima volta
Un mistero eterno come la Gioconda

© Copyright 2021 - Sito non ufficiale di Emanuele Aloia